Lo studio D2U ha completato il progetto di riqualificazione dell’edificio di Viale Fulvio Testi a Milano

Lo studio di architettura milanese D2U – Design to Users ha completato, per conto del fondo immobiliare Effepi Real Estate – riservato al Fondo Pensione delle aziende del Gruppo Unicredit, gestito da Generali Real Estate S.p.A SGR – il progetto di riqualificazione integrale dell’edificio di Viale Fulvio Testi 280 a Milano, nuova sede della società finanziaria Agos, in un quartiere milanese in fase di profonda trasformazione.

“Abbiamo deciso di intervenire sui caratteri compositivi originari, individuando una soluzione progettuale innovativa con un sistema di lamelle verticali esterne brise soleil in legno ricomposto che riqualificasse l’immagine dell’edificio rendendolo più contemporaneo, naturale, trasparente ed efficiente sia dal punto di vista del comfort per l’utente che da quello energetico” commentano i progettisti, gli architetti fondatori dello studio D2U, Corrado Caruso e Jacopo della Fontana.

Il progetto di D2U si inserisce in una trasformazione del paesaggio urbano che sviluppa la destinazione terziaria della zona di Milano Bicocca: “Fulvio Testi 280” si trova infatti nella zona Nord di Milano, un tempo periferica e sede di attività industriali, dagli anni ’80 protagonista di un importante processo di rinnovamento e sviluppo che lo ha reso uno dei distretti direzionali più dinamici di Milano, molto richiesto da aziende internazionali ed ottimamente connesso con il resto della città.

INORMAZIONI TECNICHE

L’edificio, originariamente costruito negli anni ‘80, si sviluppa per circa 22.000 mq lordi, su 7 piani fuori terra e due piani di autorimessa interrata. La riqualificazione ha interessato le facciate originali in alucobond grigio con vetrate a nastro che sono state sostituite con una nuova facciata vetrata trasparente a triplo vetro a tutta altezza montata su solaio; un nuovo marcapiano metallico aggettante ed inclinato è stato montato sul perimetro della struttura esistente con doppia valenza di frangisole profondo e supporto del camminamento per la futura manutenzione e pulizia esterna delle facciate. La protezione dall’irraggiamento solare viene garantita da un sistema esterno di alte lamelle frangisole in legno composito, riciclabile al 100%, in tre diverse tonalità di colore montate verticalmente sul nuovo marcapiano e calibrate, per angolazioni e quantità, sui lati dell’edificio esposti a ovest, sud e est. Gli impianti meccanici sono stati completamente aggiornati con un sistema di condizionamento/riscaldamento misto aria primaria/fan coil a 4 tubi con inserimento di nuove pompe di calore in copertura.

L’immobile ha ottenuto la certificazione di sostenibilità internazionale LEED, in linea con gli elevati standard di riqualificazione degli immobili gestiti da Generali Real Estate in Europa. È stata inoltre valorizzata l’ottima dimensione del piano tipo, rendendolo uno degli edifici più efficienti e flessibili dal punto di vista dello space planning tra quelli riqualificati nell’area milanese.

Il progetto ha previsto inoltre la riqualificazione degli spazi comuni e del settimo piano per eventi, con una grande pensilina brise soleil e una importante terrazza che offre una vista d’eccezione sull’area Pirelli in trasformazione, il nuovo skyline del centro di Milano e le montagne a Nord.

Per il progetto, completato sotto la direzione lavori di MPartner e la direzione artistica di D2U, lo studio milanese ha coordinato un team composto anche da Arup Italia per lo studio della facciata e STI Engineering per gli impianti; i lavori sono stati eseguiti dall’impresa I.T.I. Impresa Generale S.p.A..