A Bologna convention Confabitare, casa è un bene primario

Zanni: "in realtà non sono stati presi provvedimenti per alleggerire tassazione"

30 novembre 2013

(ANSA) - BOLOGNA, 30 NOV - Ribadire il ruolo della casa come bene primario, allontanando quella concezione che ne fa un bene alla luce del sole e quindi facilmente tassabile. E' stato questo il tema della terza convention di Confabitare, associazione di proprietari immobiliari nata a Bologna quattro anni fa e rapidamente diffusasi in tutta Italia, che si è svolta nel capoluogo emiliano.

"Il 2013 si chiude in chiaroscuro - ha detto il presidente Alberto Zanni - in realtà non sono stati presi grandi provvedimenti sulla casa per alleggerire la tassazione. Oggi abbiamo ricordato due nostre battaglie, quella per l'abolizione dell'Imu sulla prima casa e quella sull'impignorabilità degli immobili". Il presidente, nel corso dell'intervento che ha concluso l'incontro - al quale hanno partecipato delegati da tutta Italia - ha ricordato l'elevata pressione fiscale sulle abitazioni, e, soprattutto, l'assenza di certezze: "C'è confusione fino all'ultimo momento. Le famiglie devono accantonare gli importi e fino all'ultimo non hanno certezza. Noi non diciamo di non volere pagare le tasse, ma lo Stato ci dia indicazione certa di quanto e quando dobbiamo pagare". Tra le proposte, per rilanciare le compravendite, quella di ridurre fino ad azzerare le imposte di registro sull'acquisto delle case.

In apertura dei lavori è stato letto un messaggio del vicepremier Angelino Alfano e un saluto è stato portato dal prefetto di Bologna, Angelo Tranfaglia, nel suo ultimo giorno di servizio. Ospite politico della convention, Guido Crosetto, che ha fatto però un discorso programmaticamente lontano dalle schermaglie quotidiane: "Quando parlo delle abitazioni io non parlo di case, parlo di risparmio. A me hanno insegnato che il risparmio è positivo. E noi viviamo invece in un Paese in cui questo è diventato una cosa negativa. La casa viene trattata quasi come fosse una colpa. A me vengono i brividi quando sento parlare di una patrimoniale. Si scoraggia il risparmio. Bisogna non tanto contestare le singole tasse, aliquote eccetera, ma la concezione che c'è dietro".

Proprio alla confusa situazione della tassazione sugli immobili è stato dedicato l'intervento di Alessandro Notari del centro studi fiscale dell'associazione che ha disegnato - per quanto possibile con gli elementi a disposizione - lo scenario. Oltre al lancio di un'iniziativa a favore della Sardegna colpita dall'alluvione (il 5% dei proventi dei nuovi tesseramenti saranno devoluti alla Croce Rossa e verrà promossa una campagna di sensibilizzazione perché gli associati mettano a disposizione gratuitamente le loro seconde case a coloro che ne hanno bisogno), la convention è stata l'occasione per la promozione di una nuova realtà che nasce come costola di Confabitare, Confamministrare, dedicata agli amministratori di condominio. (ANSA).



Pagine: 1
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati